Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.

Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_bottom position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_top position below the search.
ARTICOLI UNDER 14

Search Our Site

055 7879358 da Lun al Ven: 17,30 - 20,00

Evviva!!!!!!! Finalmente è arrivata la tanto agognata e tanto sospirata prima vittoria della nostra U14.

Oggi si è avverato un piccolo sogno, che ci porta tanta speranza e ci infonde un pò di sicurezza nelle nostre capacità, che ci fa allontanare dubbi, perplessità o incertezze; e per il Florentia la vittoria non poteva capitare in un giorno migliore, in concomitanza con la prima giornata di campionato.

 

Sul terreno di Lucca la nostra squadra è stata di sicuro la protagonista di una buona partita; gli avversari sono una formazione nuova ancora in costruzione, ma i nostri ragazzi hanno dimostrato che, dopo la pesantissima sconfitta della scorsa settimana, il loro impegno e la loro voglia non hanno subito nessun tentennamento, che la preoccupazione di affrontare l'inizio di campionato è stata ben gestita durante la settimana con impegnativi allenamenti e grande volontà di voler fare bene o per meglio dire «essere sicuri di dare sempre il massimo».

Dopo l'arrivo, un pò avventuroso, al campo di rugby (ma che guide che abbiamo), mentre i nostri atleti si scaldavano in campo, una parte dei supporters fiorentini si sistemava vicinissima alla rete a bordo campo, quasi a voler spingere la squadra, altri conquistavano una piccola altura alle loro spalle, e nessuno poteva sapere che il coraggio di questi ardimentosi fosse premonitore dello spirito battagliero della squadra.

Questo è un giorno importante: per buona parte dei ragazzi inizia veramente un nuovo ciclo della loro vita rugbistica, quindi un risultato positivo sarebbe una grande iniezione di fiducia per poter affrontare al meglio la stagione.

 

I ragazzi giocano bene e nei primi minuti riescono subito a conquistare una meta poi trasformata, questo iniziale vantaggio fa sì che possano giocare con più sicurezza quindi si impegnano a dimostrare quello che sanno e possono fare: si mettono bene in campo, si passano la palla per conquistare terreno, impostano un discreto gioco, si spingono avanti fino alla meta, che nel corso del primo tempo, conquistano diverse volte con molta scioltezza, tanto che i rivali non hanno mai superato la loro metà campo.

Finisce il primo tempo e corrono verso la panchina, sono distrutti, ma contenti; tutti insieme ascoltano le parole dell'allenatore e mentre dà loro gli ultimi consigli, la squadra si è già schierata in campo in attesa degli avversari.

 

Come detto all'inizio, quella lucchese è una formazione in costruzione, ma nel secondo tempo ha incominciato a spingere e forse i nostri non si aspettavano un inizio così aggressivo!

Sta di fatto che anche per il Lucca arriva la prima meta che fa esplodere di gioia tutti i tifosi, anche quelli venuti da Firenze ...... sembra strano ma il rugby è così: in questo sport il rispetto ed il valore dell'avversario sono sacri ed i sostenitori del Florentia tale principio lo rispettano con assoluta fedeltà.

Dopo questa parentesi tutta a favore degli ospiti, i nostri ragazzi riconquistano la supremazia del campo e si impegnano a giocare e a giocare bene, senza strafare ma mettendo in campo le buone qualità di ognuno di loro.

 

Il fischio finale arriva, quando il sole sta tramontando, quando i tifosi a bordo campo stanno applaudendo fino a spellarsi le mani, quando i temerari saliti in collina stanno scendendo tra grida di gioia anche qualche ruzzolone ....... ma oggi niente fa male, oggi si festeggia, oggi si chiacchiera e si scherza con serenità perché in campo il Florentia sta cantando la canzone della vittoria, i ragazzi la cantano come uno sfogo liberatorio sotto gli occhi orgogliosi dei tifosi che in cuor loro sperano di sentirla ancora, ancora, ancora ....

tanto quella melodia non annoierà mai nessuno di noi.

 

Un genitore Anonimo

logo